Di cosa mi occupo

Il mio compito come professionista è quello di offrire aiuto a chi interessato a ritrovare il proprio benessere, che a volte può essere messo da parte, svanito, perduto.
I “sintomi” che viviamo quando stiamo male sono il modo in cui il nostro corpo ci comunica che qualcosa non sta funzionando. Sono campanelli di allarme a cui è importante prestare attenzione per dare un ordine al nostro caos e rivolgersi ad un professionista quando, dopo numerosi sforzi, non riusciamo a trovare risposte da soli.

Mi occupo inoltre di offrire un sostegno a chi si trova a vivere cambiamenti importanti, a chi deve adattarsi a nuove situazione, a chi è interessato ad acquisire una maggiore consapevolezza emotiva di ciò che sta vivendo.

Prendersi cura del proprio ben-essere non vuol dire necessariamente porre rimedio a una condizione di sofferenza estrema.
Come ci ricorda l’Organizzazione Mondiale della Sanità, infatti, la salute

“é uno stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia”.

Martina Cortese

Prendersi cura di noi stessi è il primo passo per potersi prendere cura del mondo intorno a noi, per renderci responsabili delle decisioni che prendiamo e per essere capaci di provare empatia nel momento in cui ci rapportiamo con gli altri.”

Telefono:
+39 3809081481

Email:
info@martinacortese.com

Che sia un legame con un'altra persona, con la nostra famiglia di origine, con quella del nostro partner, con un gruppo, con un ambiente...l'interazione che si crea tra noi-e l'altro assume un profondo significato per la nostra vita. La famiglia in cui cresciamo diviene il primo ambiente in cui instauriamo delle relazioni. Il confronto con l'esterno ci permette di entrare in relazioni con mondi nuovi, e di poter scegliere le relazioni che vogliamo includere nella nostra vita. Quando stabiliamo delle relazioni creiamo uno spazio calpestabile da noi e dall'altro. In questo spazio comune trasportiamo ciò che fa parte della nostra storia personale, quindi lo stile comunicativo che adottiamo, le credenze e valori appresi in famiglia, le esperienze passate e gli insegnamenti che ci hanno lasciato nel presente. Le persone con cui ci rapportiamo non sono individui distanti ed ininfluenti sui nostri stati d'animo. Al contrario, sono per noi dei riferimenti. E stabilire relazioni significative non solo ci permette di stare bene ma ci qualifica anche in termini di identità. Osservare le dinamiche emotive che ruotano attorno ai legami che costruiamo significa assumere consapevolezza della relazione stessa, renderci ancora più partecipi di quanto stiamo vivendo.